Archive for the 'Pubblicità' Category

29
Ott
07

Fight for Kisses

Devo dire che ho sempre preferito il Gilette Mach 3 e che quando vedevo la pubblicità del Wilkinson Quattro Titanium mi sembrava un po esagerato pensare di farmi la barba con 4 “coltelli”…quasi fosse una corsa a chi raggiunge per primo il rasoio a 10 lame!
Però stamattina Luigi (collega) mi ha mostrato questo fantastico sito che la wilkinson ha messo online.

Wilkinson


Clicca per ingrandire

La campagna pubblicitaria prevede l’utilizzo di un videogioco scaricabile dal sito, dove i protagonisti sono un bebè e suo padre in perenne lotta per i baci della mamma (o moglie, dipende dal punto di vista).
Il tutto reso incredibilmente divertente da un’ottima grafica 3D e dalle animazioni in Flash, ma sopratutto dalla caratterizzazione del bambino che diventa un esperto di arti marziali, determinato ad uccidere…facendo la corda con un reggiseno! 😀

Davvero gran bel lavoro

Annunci
26
Set
07

Toscani sulla Anoressia

Toscani torna a far parlare di se con la sua campagna pubblicitaria per la linea di abbigliamento femminile Nolita. La campagna in perfetto stile Toscani, mette in mostra una modella colpita da questa malattia, mostrando ogni piaga che essa ha portato alla ragazza. La domanda è, è giusto utilizzare immagini forti per sensibilizzare le persone su determinate tematiche? E ancora di più, secondo voi Toscani lo fa per sensibilizzare l’opinione pubblica, o per far parlare di se? Tentativo di sensibilizzazione o sfruttamento della malattia?

Toscani

Toscani

In molti si sono schierati contro la campagna e il fotografo, l’Aba, specializzata in disturbi alimentari, il Codacons, Forum giovani e molti parlamentari di entrambi gli schieramenti, che vedono sia il pericolo di «sfruttamento della malattia a scopi pubblicitari», sia l’inutilità della campagna di Toscani per Nolita come strumento di lotta alla malattia. Ma Luisa Bertoncello, amministratore delegato della Flash&Partners, gruppo di cui fa parte Nolita, assicura: «Vogliamo usare i mezzi pubblicitari come strumento di sensibilizzazione ai mali sociali». Secondo voi?

18
Set
07

Web 2.0 – Bzzers

E’ da poco nata una nuova comunità, quella di Bzzers il sito del “passaparola“. Con questo sistema è possibile contattare migliaia di persone ogni giorno e condividere cosi opinioni e prove di prodotti e servizi. Infatti il sito è strutturato come un gioco di ruolo, ottenendo punti si può accedere a campagne sempre più prestigiose.
Con le campagne si possono testare dei prodotti o servizi di vario genere, in base ai vostri interessi. Al termine della prova si potrà scrivere un report del prodotto e iniziare il passa parola con gli utenti.

bzzers

Ormai questa del passaparola è il sistema di pubblicizazzione più efficace, i normali sistemi di proclamazione del prodotto non sono più validi come una volta, basti pensare che più del 70% delle persone non da peso alcuno alle pubblicità televisive…e infondo, chi è che non cambia canale?:D

Il sito è ben strutturato e non presenta gravi errori, tant’è che i sviluppatori hanno totalmente annullato una prima fase di testing a registrazione, partendo direttamente con la sperimentazione a tutti gli utenti. Molto notevole!

PS se volete iscrivervi scrivetemi una mail!^^mi farete guadagnare qualche punticino!:D

13
Set
07

Everyone Knows – Webdesign

Vi segnalo questo sito dove potete trovare fantastici layout da cui potete prendere spunto.

Websites

03
Set
07

Top 100 migliori campagne pubblicitarie

Cominciamo conoscendo un pò quali sono le campagne che nell’arco dell’ultimo secolo hanno avuto maggior successo.
AdAge.com qualche tempo fa ha pubblicato un elenco di quelle che sono state le campagne con maggior successo di pubblico. Al primo posto svetta la Volks Wagen che nel 1959 grazie al genio di Bill Bernbach (co-fondatore della famosissima DDB, agenzia Newyorkese) si presentò agli americani con questi manifesti:

VW_Think small 2

Americani all’epoca abituati a pensare in grande…Cadillac lunghissime e piene di alettoni facevano bella mostra nelle concessionarie. Una vera e propria rivoluzione.
Alle posizioni successive troviamo “i soliti noti”. Nomi come Cocacola, Nike, Marlboro non stupiscono in questa classifica.

  1. Volkswagen, “Think Small”, Doyle Dane Bernbach, 1959
  2. Coca-Cola, “The pause that refreshes”, D’Arcy Co., 1929
  3. Marlboro, “The Marlboro Man”, Leo Burnett Co., 1955
  4. Nike, “Just do it”, Wieden & Kennedy, 1988
  5. McDonald’s, “You deserve a break today”, Needham, Harper & Steers, 1971
  6. DeBeers, “A diamond is forever”, N.W. Ayer & Son, 1948
  7. Absolut Vodka, The Absolut Bottle, TBWA, 1981
  8. Miller Lite beer, “Tastes great, less filling”, McCann-Erickson Worldwide, 1974
  9. Clairol, Does she…or doesn’t she?”, Foote, Cone & Belding, 1957
  10. Avis, “We try harder”, Doyle Dane Bernbach, 1963

E in italia? Quale campagna italiana è diventata indimenticabile? Credo nessuno possa scordare frasi come “guarda papà…un pollo!” O la bambina dall’impermeabile giallo che trovava un gattino sotto la pioggia…inutile fare i nomi!!!